Tirocinio

Il Piano degli Studi prevede attività di Tirocinio, da assolvere nel secondo anno. Di seguito sono illustrate le diverse tipologie di esperienze utili, le modalità e le opportunità messe a disposizione degli studenti.

In azienda

Lo studente può svolgere il tirocinio presso aziende ed enti, italiani o stranieri. Tale attività è coordinata dal Responsabile Tirocini e Job Placement, al quale lo studente deve rivolgersi per verificare la disponibilità dell’azienda o ente se già convenzionato con l’Ateneo, oppure per stipulare apposita convenzione. Il tirocinio può essere abbinato alla prova finale.

Utile da sapere: +9,1% è la percentuale in più di possibilità di occupazione entro un anno dalla laurea per chi ha svolto un tirocinio aziendale, che diventa +12,7% in caso di esperienza all’estero (dati AlmaLaurea 2019).

Formalmente, lo studente e il Responsabile Tirocini e Job Placement individuano il tutor didattico e, di concerto con l’azienda o ente, il tutor aziendale, che dovranno seguire lo studente durante l’attività di tirocinio. Tale attività dovrà articolarsi su un arco temporale concordato tra le parti, nel rispetto del numero massimo di 8 ore giornaliere e di 40 ore settimanali come stabilito dalla legge.
Prima dell’inizio del tirocinio, lo studente deve ritirare presso la Segreteria Didattica del DiSPeA i moduli necessari per lo svolgimento del tirocinio, tra cui il Progetto Formativo e di Orientamento. Questo documento, debitamente compilato e firmato da studente, Responsabile Tirocini e Job Placement e rappresentante aziendale, deve essere consegnato dallo studente presso la Segreteria stessa almeno una settimana prima dell’inizio del tirocinio. Al termine dell’esperienza, lo studente deve comunicare la fine dell’attività al Responsabile Tirocini e Job Placement e riconsegnare alla Segreteria Didattica del DiSPeA tutti i moduli debitamente compilati insieme a una relazione dell’attività svolta (che includa obiettivi, approccio seguito, risultati ottenuti). Per i laureandi, il termine ultimo per consegnare le pratiche necessarie al riconoscimento dei crediti formativi è fissato una settimana prima della scadenza per la consegna della tesi.

Dal punto di vista dell’azienda, gli stage non comportano oneri, non costituiscono rapporto di lavoro, e i relativi oneri burocratici, comprese le comunicazioni di legge a INAIL e Ispettorato del Lavoro, sono a carico dell’Ateneo.
Il numero di stagisti che un’azienda può prendere contemporaneamente in carico non può eccedere i limiti di legge stabiliti in base al numero di dipendenti a tempo indeterminato dell’azienda stessa (vedi sezione del sito d’Ateneo).
L’azienda ospitante deve sottoscrivere una convenzione con l’Ateneo nel rispetto della vigente normativa, e individuare in seguito un tutor interno che sia responsabile dell’inserimento dei tirocinanti in azienda ed abbia il ruolo di referente. La convenzione entra in vigore dalla data della sua sottoscrizione da ambo le parti, ha durata triennale e vale per tutti i Dipartimenti dell’Ateneo.
La convenzione si stipula registrandosi online. In seguito, autenticandosi con le credenziali impostate in fase di registrazione, si deve scaricare il modulo di convenzione predisposto e pronto ad essere stampato in duplice copia. Le due copie dovranno essere timbrate e firmate (dal rappresentante legale dell’azienda) e quindi inviate a:
Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Dipartimento di Scienze Pure e Applicate – Segreteria
Via S. Andrea, 34 – 61029 Urbino (PU)

Una delle due copie viene restituita controfirmata all’azienda a completamento della procedura. A convenzione stipulata, ogni qual volta lo ritenga opportuno, il referente aziendale contatta il Responsabile Tirocini e Job Placement per richiedere la disponibilità di tirocinanti.
Istruzioni dettagliate sono disponibili presso il sito di Ateneo.

In Università

In alternativa, lo studente può svolgere un tirocinio internamente all’Università sotto la guida di un docente. In tal caso, lo studente deve contattare il Responsabile Tirocini e Job Placement per verificare la disponibilità del docente, il quale diventerà il tutor didattico e dovrà seguire lo studente durante l’attività di tirocinio. Anche il tirocinio interno può essere abbinato alla prova finale.

All’inizio del tirocinio, lo studente deve compilare e consegnare al Responsabile Tirocini e Job Placement il progetto di tirocinio interno. Al termine del tirocinio, lo studente deve comunicare la fine dell’attività al Responsabile Tirocini e Job Placement e consegnargli i documenti necessari ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi, ovvero la scheda di valutazione del tirocinante e una relazione dell’attività svolta (che includa obiettivi, approccio seguito, risultati ottenuti, ore impiegate). Contestualmente, il tutor didattico deve consegnare al Responsabile Tirocini e Job Placement la scheda di valutazione del tutor didattico. Per i laureandi, il termine ultimo per consegnare le pratiche necessarie al riconoscimento dei crediti formativi è fissato una settimana prima della scadenza per la consegna della tesi.

Riconoscimento di attività pregresse

Nel caso lo studente abbia precedentemente svolto attività lavorativa in ambito informatico, o partecipato a stage/corsi organizzati al di fuori dell’Ateneo purché riguardanti l’informatica e di livello post laurea triennale, potrà ottenere il riconoscimento totale o parziale dei crediti previsti, previa presentazione dell’apposita domanda e della relativa documentazione presso la Segreteria Studenti di Area Scientifica all’atto dell’iscrizione e comunque non oltre il 20 dicembre.