Home

First ESTECO design competition in partnership with ILLYCAFFÈ

Pubblicato il da InfoAppl
Tag: / / /

ESTECO and illycaffè are pleased to invite teams of students to take part in the first ESTECO Design Competition. 

The international competition is open to teams of undergraduate and graduate students from International Universities, attending a School of Engineering, Physics and Chemistry.

See: http://www.esteco.com/corporate/illycompetition

Math4U – Seconda edizione dello stage di preparazione ai test di verifica

Pubblicato il da InfoAppl
Tag: / / / / / /

Sono aperte le iscrizioni gratuite alla seconda edizione dello stage di Math4U, per preparare gli studenti ad affrontare le prove di verifica delle conoscenze matematiche per l’iscrizione ai corsi di laurea scientifici.

Quest’anno Math4U diventa un LAC (Laboratorio di Approfondimento Certificato) organizzato nell’ambito del Progetto Ponte coordinato dall’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche.

Lo stage di Math4U, tenuto anche quest’anno dal Prof. Devis Abriani, docente di matematica del Corso di Studio in Informatica Applicata, si svolgerà il 24 e il 25 luglio 2014 ad Urbino ed è aperto a tutti gli studenti delle scuole superiori, con priorità ai diplomati.
Nel corso dello stage verranno proposti i test degli scorsi anni e altri ad essi ispirati, dando ai ragazzi una crescente autonomia nell’affrontarli. Dapprima si risolverà un test in aula con la guida del docente, poi si procederà in gruppi via via più ristretti ad affrontare le prove successive, fino ad arrivare alla prova individuale conclusiva. Tutti i test verranno discussi e spiegati in dettaglio e ne verrà illustrata la teoria soggiacente.

Per partecipare è sufficiente compilare il modulo di registrazione online.
Chi desiderasse usufruire dei servizi di pernottamento e ristorazione dell’ERSU (disponibili a prezzi convenzionati fino ad esaurimento dei posti disponibili) è pregato di indicarlo nel modulo di registrazione.

Nel frattempo esercitatevi online e provate a risolvere i quesiti proposti da Math4U!

Vi aspettiamo ad Urbino!

Offerta di lavoro Fondazione Bruno Kessler

Pubblicato il da InfoAppl
Tag: / / /

The Information Technology Center of the Bruno Kessler Foundation promotes a market survey aimed to identify profiles of young people with strong computer skills with a desire to engage in a path of professional growth in the area of research.

FBK will evaluate the profiles in order to establish a shortlist of suitable candidates for specific positions within FBK projects. In particular, we are looking for people willing to work in international teams, attracted by research and innovation, with a spirit of initiative and critical thinking skills.

Technical skills required:

– Education or equivalent experience in programming;
– Good software design and development skills;
– Good knowledge of at least one of the following programming languages: C++, C, ObjectiveC, Python, Java, Ruby, JavaScript, PHP, R, Logic Programming (Datalog/Prolog);
– Hands-on experience with standard software development environments either under Unix/Linux and/or MS Windows (TM), Mac OSX (Eclipse, NetBeans, VisualStudio, etc….);
– Good knowledge of English.

Optional technical skills:

– Experience with web development frameworks (e.g. Django, RubyOnRails) and front-end design (HTML, CSS);
– Knowledge of testing and formal method techniques (e.g. propositional and first order,  logics, temporal logics, model checking);
– Knowledge of object-relational database systems (e.g. PostgreSQL);
– Experience with Android or iOS development;
– Experience with one or more the following frameworks: Swing, Qt, Cocoa;
– Experience with geoICT  solutions (GIS, WebGIS, PostGIS);
– Basic of secure programming.

Soft skills:

– Autonomous thinking and problem solving skills
– Capability to adapt to dynamic environments
– Ability to work in team with researchers, designers and analysts
– Creativity
– Ability to deal with deadlines
– Communication skills (e.g. presenting ideas for system improvements)

Candidates are requested to submit their application by completing the online form available at
http://hr.fbk.eu/en/jobs

Please make sure that your application contains the following attachments:

– detailed CV
– cover letter (please specify the programming languages you are most familiar with and use most frequently)

Candidates who, as a result of the evaluation process, will be considered eligible will be contacted for possible employment opportunities over the next 24 months.

Please read Guidelines for selection on our site carefully beforehand

Application deadline: 25th June 2014

Trivago Hackathon a Düsseldorf

Pubblicato il da InfoAppl
Tag: / / /

Trivago cerca 50 esperti di informatica, appassionati, sviluppatori o programmatori per il Trivago Hackathon che si svolgerà presso la sede di Düsseldorf in Germania il 5 e 6 luglio 2014. La lingua ufficiale del Trivago Hackathon è l’Inglese.

Per partecipare dovete:
1. Candidarvi gratuitamente entro il 6 giugno compilando il modulo online
2. Leggere attentamente le condizioni di partecipazione
3. Incrociare le dita per essere scelti tra i 50 partecipanti!

Il Trivago Hackathon offre:
– 2 giorni di hackathon a Düsseldorf
– 50 partecipanti scelti
– 10 team di lavoro
– 1 giuria di esperti

Mancano solo pochi giorni alla chiusura delle iscrizioni e quindi alla scelta dei 50 partecipanti all’hackathon. Buona fortuna a quanti di voi decideranno di inviare la propria candidatura e rappresentare le eccellenze italiane nel campo dell’informatica!

Video-tutorial del motore di gioco multipiattaforma Unity3D

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / / / / / / /

Giovedi’ sera 4 dei ragazzi del dot5team (http://dot5team.com/) sono stati protagonisti di un incontro online di “Code’s cool” per raccontare la loro esperienza di sviluppatori di mobile games, iniziata frequentando il corso di laurea in Informatica Applicata a Urbino.

alessio ilaria marco romeo

Alessio e Romeo hanno presentato in modo molto intuitivo la versione gratuita del motore di gioco Unity3D utilizzando come esempio il loro primo gioco multipiattaforma, HolySheep, disponibile su Android, iOS e Windows phone. Nel frattempo Marco e Ilaria rispondevano in chat alle tante domande dei partecipanti.

Ecco il video-log completo dell’incontro. Dura poco piu’ di un’ora e fornisce in modo immediato e informale una chiara idea di come iniziare a sviluppare mobile games.

Incontro online con gli sviluppatori di HolySheep

Pubblicato il da InfoAppl
Tag: / / / / / / /

Questa sera alle 21:00 la stanza virtuale di “Code’s Cool” ospita gli sviluppatori di HolySheep (http://holysheep.dot5team.com/), il gioco multipiattaforma disponibile gratuitamente su piattaforme Android, iOS e Windows Phone.

I partecipanti potranno porre domande sulla genesi del gioco, sugli strumenti utilizzati per svilupparlo, sulle tecniche di programmazione adottate, sulle istruzioni che stanno dietro ad ogni effetto.

I ragazzi del dot5team risponderanno ad ogni domanda e condivideranno con noi lo schermo dei loro computer per mostrarci gli ambienti di sviluppo e il codice del gioco.

Per partecipare è sufficiente collegarsi all’indirizzo https://join.me/543-534-218.

Vedrete comparire sul vostro schermo il codice sorgente del gioco spiegato dai suoi stessi sviluppatori.

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a fare giochi

Pubblicato il da dot5
Tag:

Circa tre mesi fa ci siamo conosciuti all’interno del corso di laurea in Informatica Applicata. Il destino ha voluto che tutti e cinque avessimo una passione per i videogame e, soprattutto, tanta voglia di creare qualcosa di nostro. E’ così che sono iniziate a piovere idee, una dietro l’altra. All’inizio sembrava quasi un gioco, niente di concreto. Poi, piano piano, tutto ha iniziato a prendere forma: da banali supposizioni si è passato ad idee concrete. Abbiamo iniziato a mettere il tutto nero su bianco, fino a quando è nato il nostro primo mobile videogame: “Holy Sheep”.
Parliamoci chiaro: l’idea di una pecora che rotola, candendo dal paradiso, ci ha entusiasmato fin da subito, ma passare dall’idea al prodotto finale non è stato affatto banale. I problemi da affrontare sono stati non pochi: da quelli tecnici a quelli burocratici (aspetto purtroppo molto trascurato ma fondamentale!).

Ma procediamo per gradi in modo da fare capire cosa ci sia alla base della creazione di un videogame per mobile.
Innanzitutto ci siamo trovati ad affrontare un problema nuovo per tutti: il lavoro in team. Questa esperienza ci ha insegnato quali sono le basi per poter portare avanti un progetto all’interno di un gruppo, ed abbiamo capito che non è sempre così semplice. Organizzare e suddividere il lavoro non è affatto banale come si può pensare: molte volte possono esserci idee divergenti. Per fortuna siamo sempre riusciti a trovare il compromesso migliore, ma vi assicuriamo che le discussioni non sono mancate! Un altro aspetto da affrontare (sul quale da bravi informatici ci siamo trovati impreparati) è stato quello del marketing: ovviamente nessuno di noi ha delle solide basi e conoscenze al riguardo. Vi possiamo assicurare che un gioco ben fatto, se non è pubblicizzato correttamente, avrà vita breve. Allora ci siamo dovuti improvvisare geni (magari) del marketing ed adottare alcune delle strategie migliori per cercare di poter dare la giusta visibilità al nostro prodotto. Dal punto di vista tecnico, sicuramente l’università ci ha fornito le basi per poter camminare da soli. Il resto viene con tanta passione e soprattutto tante notti insonni!

Per quanto riguarda il gioco, come progetto iniziale abbiamo deciso di intraprendere una strada non troppo complessa (soprattutto dal punto di vista grafico). E’ così che abbiamo deciso di focalizzarci principalmente sul gameplay. L’ idea fin da subito è stata quella di creare un gioco frenetico, che ogni tanto strappi un sorriso all’utente mentre gioca e si agiti sempre di più mano a mano che si rende conto che la difficoltà cresce e diventa sempre più consapevole del fatto che la sua ora sta per arrivare.
Ora, indipendentemente dal successo che il nostro gioco avrà, siamo più che felici di aver intrapreso questa strada. Il futuro sicuramente sarà in salita, ma speriamo di poter ancora continuare a fare ciò che ci piace, con la speranza che in un futuro non troppo lontano questa passione si possa trasformare in opportunità lavorative.

Tirando le somme, gli errori commessi durante questo percorso non sono stati pochi, ma sicuramente ci hanno aiutato a crescere e dal prossimo progetto sapremmo già come affrontare la situazione nel migliore dei modi.

Detto questo, ora non vi rimane altro che provarlo, con la speranza che vi piaccia.

Sito team: http://www.dot5team.com/
Sito Holy Sheep: http://holysheep.dot5team.com/

Video promozionale: https://www.youtube.com/watch?v=MWSEKPlRjHk&feature=youtu.be

Oggi e’ il giorno di Pi greco e c’e’ il sole

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / / / /

Il 14 marzo e’ il giorno di Pi greco: 3.14.
Per gli americani che scrivono le date indicando prima il mese e poi il giorno, il 14 marzo e’ proprio 3.14. Per chi come noi scrive prima il mese e poi l’anno, nel 2014 tutto il mese di marzo e’ 3.14.
Infatti 3, 1 e 4 sono le tre cifre di Pi greco che tutti conoscono, ma Pi greco di cifre ne ha infinite e quindi nessuno lo conosce davvero. In compenso lo vediamo all’opera quotidianamente, perche’ ogni volta che osserviamo un cerchio, Pi greco e’ li’ sotto i nostri occhi. Se il diametro del cerchio e’ 1, la sua circonferenza e’ Pi greco. Se il raggio del cerchio e’ 1, Pi greco e’ la sua area.
Cosi’ Pi greco e’ il numero che sfugge ai matematici e si lascia disegnare dai bambini.
Se non vi fidate delle calcolatrici e volete calcolarlo da soli aspettate un giorno di pioggia, disegnate su un cartone un cerchio bello grande e su un altro cartone un quadrato con il lato uguale al raggio del cerchio. Mettete i due cartoni sotto la pioggia e contate quante gocce cadono nel cerchio e quanto gocce cadono nel quadrato. Quando ne avete contate abbastanza e rischiate di perdere il conto fermatevi e dividete i due numeri. Il rapporto vi dara’ una buona stima di Pi greco.
Se non volete aspettare la pioggia potete simulare l’esperimento con Scratch usando l’ultimo programma sviluppato da Code’s Cool.