Post di Alessandro Bogliolo

Settimana della cultura digitale 2017

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: /

Webinar interattivo per le scuole del Prof. Alessandro Bogliolo

3 aprile 2017, ore 11:00

Qual è il vero significato del termine digitale? Esiste una linea di demarcazione netta tra ciò che è digitale e ciò che non lo è? Quali sono gli elementi davvero peculiari delle tecnologie che chiamiamo digitali? Che relazione c’è tra cultura e tecnologie digitali?

Sono queste le domanda a cui Alessandro Bogliolo cercherà di dare risposta lunedì 3 aprile dalle 11:00 alle 12:00 nell’ambito delle iniziative offerte dall’Università di Urbino per la settimana della cultura digitale promossa dalla rete DiCultHer.

Si tratta di un webinar concepito per essere seguito dalle scuole, in diretta o in differita. Secondo una formula ormai collaudata, Alessandro Bogliolo utilizzerà un linguaggio accessibile e incrementale per consentire agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado di utilizzare il webinar in classe offrendo ai propri alunni le chiavi di lettura adeguate all’età e al contesto disciplinare.

Per seguire il webinar è sufficiente collegarsi all’indirizzo https://youtu.be/jMxOrJGy4Bw

Le scuole partecipanti possono segnalare la propria presenza sul sito http://www.diculther.eu/scud2017/ creando eventi personalizzati che prevedano l’utilizzo del webinar.

LOCANDINA

Iscrizione a singole attività formative

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / / / /

Per chi non è iscritto ad un corso universitario, ma ha interesse ad approfondire un tema trattato in un insegnamento universitario, c’è la possibilità di effettuare l’iscrizione ad una singola attività formativa. L’iscrizione dà diritto non solo a frequentare le lezioni (in presenza, online o in modalità MOOC in base alle modalità previste per lo specifico insegnamento), ma anche a sostenere l’esame di verifica delle conoscenze acquisite con l’attribuzione dei relativi crediti formativi universitari (CFU). E’ possibile anche effettuare l’iscrizione a più di un’attività formativa.

L’opportunità è particolarmente utile per i corsi aperti, che l’Università mette gratuitamente a disposizione del pubblico in modalità MOOC (massive open online course). In questo caso la frequenza dei corsi non richiede alcuna iscrizione, ma è comunque possibile iscriversi per sostenere l’esame finale e conseguire i relativi CFU.

Per l’A.A. 2016/17 il Corso di Laurea in Informatica Applicata mette a disposizione in modalità MOOC due dei suoi insegnamenti:

  • Architettura degli elaboratori, (CArcMOOC) corso fondamentale del primo anno da 12 CFU
  • Pensiero computazionale in classe, (CodeMOOC) corso opzionale da 6 CFU

Chi può iscriversi alla singola attività formativa?

L’iscrizione a singole attività formative ha gli stessi requisiti dell’iscrizione ad un corso universitario di primo livello. Occorre il diploma di maturità o un titolo di studio equipollente e non bisogna essere già iscritti ad un’altra università.

Qual è il programma dell’insegnamento e come si svolge l’esame?

I programmi degli insegnamenti e le modalità d’esame sono specificati nelle schede dei corsi. Nel caso dei MOOC, il programma dell’insegnamento coincide perfettamente con quello del rispettivo MOOC. Chi si iscrive avrà diritto di accedere anche alla piattaforma di blended learning dell’Università di Urbino, dove in vista degli esami saranno caricate indicazioni specifiche e materiali preparatori. Gli esami si svolgono in presenza, a Urbino, nelle regolari sessioni (giugno-luglio 2017, settembre 2017, gennaio-febbraio 2018).

Ci sono scadenze?

Sì. Per poter sostenere l’esame nei 6 appelli dell’Anno Accademico 2016/2017 (giugno-luglio 2017, settembre-ottobre 2017 e gennaio-febbraio 2018) occorre iscriversi entro il 31 marzo. Dopo questa data sarà comunque possibile iscriversi con una mora di 30 Euro.

Come ci si iscrive?

L’iscrizione alle singole attività formative richiede di:

  • Compilare la domanda, con l’indicazione, tra l’altro, di un indirizzo email valido al quale verranno inviate le credenziali di accesso ai sistemi informativi. Chi possiede già credenziali di accesso ai sistemi informativi dell’Università di Urbino continuerà ad utilizzare le stesse credenziali. Nella domanda specificare: a.a. 2016/17, attività formativa scelta, CFUDipartimento di Scienze Pure e Applicate.
  • Inviare o consegnare la domanda a Università degli Studi di Urbino – Ufficio Segreteria Studenti – Area Scientifica – Via Saffi, 2 – 61029 Urbino (PU), accompagnata da due foto formato tessera firmate sul retro e da una fotocopia firmata di un documento di identità.
  • Attendere nella casella di posta elettronica l’invio delle credenziali per l’accesso al sistema di segreteria online Esse3.
  • Scaricare il MAV dalla sezione pagamenti di Esse3.
  • Effettuare il versamento di 172 Euro (se si tratta della prima attività formativa a cui ci si iscrivi per l’A.A.) o di 155 Euro (se si tratta di attività formativa successiva alla prima per l’A.A.).

Si può usare la carta del docente?

Certo! I docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine non devono corrispondere la tassa d’iscrizione utilizzando il bollettino MAV, ma far pervenire alla segreteria studenti il proprio buono, generato attraverso il sito ministeriale della Carta del Docente specificando: Formazione e aggiornamento –> Corsi di Laurea. Sarà la segreteria competente, alla ricezione del buono, ad attivare la procedura di validazione del buono presso il MIUR, ad inserire in Esse3 il relativo esonero ed infine associare la tassa addebitata al relativo rendiconto di attribuzione.

A chi rivolgersi?

Ufficio Segreterie Studenti – Area Scientifica
Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 15 – 61029 Urbino

Email: segreteriastudenti.scientifica@uniurb.it
Tel. : +39 0722 30 5322 / 5321 / 5225

Fax : +39 0722 30 4541

Una caccia al tesoro guidata da un Bot

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: /

Il 26 agosto, in occasione della summer school “Coding in your Classroom, Now!”, si è svolta una grande caccia al tesoro nel centro storico di Urbino: 26 gruppi, composti da 139 partecipanti complessivamente, si sono sfidati inseguendo indizi attraverso le strade strette e ripide della città, seguendo gli ordini di un… bot.

Il gioco è stato sviluppato durante la settimana precedente l’evento e l’intero team alle spalle della caccia al tesoro ha impiegato i concitati minuti appena prima dell’inizio sistemando gli ultimi bug. (Beh, la maggior parte di essi.)

La summer school, rivolta agli insegnanti di tutte le classi, ha avuto come obiettivo principale quello di portare il coding nelle scuole, cercando di coinvolgere sia gli insegnanti che i giovani studenti. Pertanto, era logico che la stessa caccia al tesoro, chiamata “Urbino Code Hunting”, si basasse su giochi di coding.

Continua a leggere…

Urbino Summer CODE Fest

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / /

Dal 22 al 27 agosto 2016 a Urbino si studia, si pratica e si sperimenta il coding ogni giorno in ogni angolo della città
http://codemooc.org/urbino-summer-code-fest/

Ecco il programma completo:

Esperimento di crowd-coding

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / /

Esperimento di programmazione creativa di massa condotto dall’Università di Urbino il 17 maggio dalle 9 alle 13.

Usando una tecnica sviluppata la scorsa settimana e sperimentata in occasione dello Scratch Day, l’Università di Urbino ha coinvolto la comunità di CodeMOOC in un esperimento di disegno collettivo.

Nel corso della mattinata sono stati lanciati semplici sondaggi istantanei con DirectPoll. Grazie ad un programma che intercetta in tempo reale i voti e li trasforma in eventi da tastiera, attraverso il voto chiunque può contribuire a spostare la matita sullo schermo in un progetto realizzato con Scratch. Ogni sondaggio determina la posizione di un punto che viene tracciato solo dopo aver raccolto un numero sufficiente di voti. Così, sondaggio dopo sondaggio, si compone un disegno collettivo.

E’ ancora possibile partecipare al sondaggio all’indirizzo: http://etc.ch/pywh

Gli effetti dei voti possono essere seguiti in diretta su YouTube o rivisti on demand.

Scratch Day 2016

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / / /

Scratch è il più popolare ambiente di programmazione visuale, sviluppato presso il MIT Media Lab per permettere a chiunque di usare la programmazione per esprimere la propria creatività e condividere le proprie idee sotto forma di progetti.

Il 14 maggio 2016 si celebra lo Scratch Day. Ci sono tante ragioni per festeggiarlo insieme.

Il Corso di Laurea in Informatica Applicata dell’Università di Urbino organizza un evento in diretta streaming alle 11:00 per coinvolgere le scuole e le famiglie in un vero e proprio esperimento di programmazione di massa.

Per partecipare attivamente all’esperimento durante la diretta occorre un dispositivo (smartphone, tablet, PC) collegato a http://etc.ch/QXfh .

Il software sviluppato per dar vita all’esperimento è disponibile a questo indirizzo.

 

Coding for Digital Cultural Heritage

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / / / /

Dal 4 all’11 aprile 2016 l’Italia celebra la prima settimana dedicata alle culture digitali: #SCUD2016.

Il Corso di Laurea in Informatica Applicata dell’Università di Urbino propone una riflessione sul ruolo del Coding nel contesto della cultura digitale e dedica all’argomento due speciali appuntamenti in diretta streaming del corso “Coding in your classroom, now!“, il MOOC che aiuta gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado ad introdurre il pensiero computazionale nelle proprie classi.

Martedì 5 aprile alle 18:00. Nuove forme di espressione con Scratch

Verrà introdotto Scratch, lo strumento di programmazione visuale online intuitivo e ludico sviluppato al MIT Media Lab con l’intento di abilitare nuove forme di espressione. L’incontro è rivolto principalmente agli insegnanti iscritti al MOOC, ma è aperto a chiunque voglia partecipare.

Mercoledì 6 aprile alle 10:00. Coding e patrimonio culturale

Si parlerà di cultura digitale e di coding, con esempi pratici e attività condivise riproducibili in classe. L’incontro potrà essere seguito in diretta dalle scuole che vorranno partecipare. Gli insegnanti iscritti al MOOC saranno invitati ad organizzare attività nelle proprie classi nel corso della settimana.

code4scud

CodeMOOC dal vivo: Urbino 2 marzo

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo

Il coding va in scena a Urbino, al Cinema Ducale, il 2 marzo alle 10:00, con Alessandro Bogliolo e Derek Breen (autore di Scratch for Kids).

Esperimenti di pensiero computazionale creativo per insegnanti e alunni.

Questo è il primo evento in presenza abbinato a #CodeMOOC, il corso online aperto che aiuta gli insegnanti ad introdurre il pensiero computazionale in classe. Alessandro Bogliolo (autore del MOOC e coordinatore di Europe Code week) e Derek Breen (Instructional designer autore di Scratch for Kids) coinvolgeranno tutto il pubblico in due veri e propri esperimenti di programmazione creativa. Non ci sono limiti di età o prerequisiti.

  • 10:00 Benvenuto
  • 10:15 Workshop: Coding immersivo (Alessandro Bogliolo)
  • 11:15 Workshop: Costruiamo un videogioco in Scratch (Derek Breen)
  • 12:15 Programmazione, Arte e Spettacolo (Derek Breen)
  • 12:30 Conclusione

Pre-registrazioni gratuite su EventBrite.

Chi volesse portare il proprio computer o tablet per partecipare alla costruzione del videogioco in Scratch può farlo sapendo che, dato il numero di partecipanti, non potrà fare affidamento su prese elettriche e connessione Internet. Pertanto, è necessario portare i computer con batteria carica e con Scratch preinstallato per utilizzo offline: versione 2.0 o versione 1.4.

Inizia il MOOC sulle Piattaforme digitali

Pubblicato il da Alessandro Bogliolo
Tag: / /

Inizia oggi, 22 febbraio 2016, alle 18, in diretta streaming, il MOOC sulle Piattaforme digitali per la gestione del territorio. Si tratta di un corso universitario da 6CFU, erogato dall’Università di Urbino nell’ambito del Corso di Laurea in Informatica Applicata, che viene offerto anche online in modalità aperta e gratuita. Chiunque voglia potrà seguire le lezioni in diretta streaming o on demand e registrarsi sulla piattaforma EMMA per lavorare insieme agli studenti del corso.

Le piattaforme digitali mettono in relazione le persone per generare valore. Quando funzionano davvero fanno coincidere l’interesse dei singoli con l’interesse collettivo. Gli studenti del corso saranno chiamati a concepire e realizzare prototipi di piattaforme digitali che concorrano a risolvere concrete esigenze di gestione territoriale.