RSA, Rabin e Imai-Matsumoto: tre algoritmi di crittografia asimmetrica a confronto (Prima parte)

Molti algoritmi di crittografia asimmetrica sono considerati sicuri perché basati su operazioni matematiche che attualmente necessitano di tempi lunghissimi per essere effettuate (i.e. scomposizione di un intero molto grande in fattori primi).
RSA ne è forse l’esempio più celebre; nessuno però ha ancora dimostrato che la sua complessità algoritmica sia esattamente quella del problema matematico soggiacente.
Confronteremo RSA con altri due algoritmi: il primo, dovuto a Rabin, per il quale questo legame è stato dimostrato; il secondo, dovuto a Imai e Matsumoto, che è stato invece violato proprio a causa della fallacia di questa presunta corrispondenza.

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInDigg thisEmail this to someone

Relatore

Prof. Devis Abriani

Docente di riferimento

Prof. Devis Abriani

Vincoli di partecipazione

Nessuno

Date

Luogo Data Orario Crediti (CFU)
Aula Von Neumann - Collegio Raffaello 14 maggio 2014 14.00 - 16.00 0,125