Code’s Cool – Imparare a programmare insegnando

Pubblicato il da
Tag: / / / / / / / /

11-12-13 ore 14  – Seminario in presenza e online

La programmazione è il linguaggio delle cose. Saper programmare vuol dire riuscire a far fare agli oggetti che chiamiamo smart, a cominciare dai nostri smartphone, ciò che vogliamo e che magari nessuno ha ancora pensato. Le recenti iniziative lanciate a livello europeo e mondiale per avvicinare i giovani alla programmazione nascono dalla consapevolezza che la programmazione stimola il pensiero creativo e che la creatività dei giovani è la chiave per la ripresa socio-economica.

Il successo di queste stesse iniziative è servito a dimostrare che in un’ora è possibile far comprendere a bambini e ragazzi le potenzialità della programmazione, fornire loro basi e strumenti tali da portarli a sviluppare piccole applicazioni già funzionanti e appassionarli allo sviluppo di codice.

Il merito del successo è in parte dovuto agli strumenti didattici evoluti che, attraverso linguaggi visuali, fanno leva sull’aspetto ludico e riducono i tempi di apprendimento, in parte dovuto all’ambiente di apprendimento che consente il confronto e la condivisione.

Per non disperdere il potenziale svelato dalle iniziative divulgative occorre dare loro un seguito. Esistono a questo scopo gruppi di apprendimento che si sono costituiti in Italia e nel mondo con diverse modalità e sotto diversi nomi per offrire ai più giovani luoghi in cui incontrarsi per programmare insieme sotto la guida di programmatori esperti.

La Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Informazione dell’Università di Urbino intende dare un contributo a questo processo di formazione e divulgazione proponendo “Code’s Cool – Programmare è forte!”, una nuova modalità di collaborazione tra docenti e studenti universitari di Informatica Applicata, Scuole secondarie di primo e secondo grado e famiglie per offrire a bambini e ragazzi un contesto in cui imparare insieme a programmare.

Per favorire la massima partecipazione verranno adottati strumenti online che consentano a chiunque di collegarsi da casa e prendere parte ad eventi e sessioni di programmazione con la propria famiglia contando sulla presenza di docenti e studenti universitari di Informatica. Ovunque possibile verranno allestiti spazi in cui incontrarsi di persona e programmare insieme. Alle scuole verranno proposte iniziative che coinvolgano insegnanti e ragazzi.

Mercoledì 11 dicembre 2013, alle ore 14, presso l’Aula Magna del Collegio Raffaello, a Urbino, Alessandro Bogliolo terrà un seminario per lanciare l’iniziativa presentando agli studenti di Informatica Applicata gli strumenti didattici disponibili, discutendo con loro la fattibilità del progetto e le modalità organizzative. Gli studenti universitari che decideranno di prendere parte all’iniziativa avranno modo di imparare insegnando.

Il seminario è inserito nel calendario delle attività seminariali di Informatica Applicata per il I e II anno, per 0.125 CFU.

Il seminario potrà essere seguito in webcast live all’indirizzo https://join.me/367-310-170

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInDigg thisEmail this to someone

2 Commenti a “Code’s Cool – Imparare a programmare insegnando”

  1. Roberto

    Gradirei ricevere informazioni in merito a code’s cool visto che sono un insegnate della IC Volponi di Urbino ed ho uno studente interessato a partecipare alle sessioni di programmazione

    Rispondi
    • Alessandro Bogliolo

      Grazie per l’interesse!
      Il Suo Istituto ha aderito all’iniziativa proprio ieri. Ho mandato al dirigente il materiale da distribuire ai ragazzi per invitarli a partecipare.
      Si tratta di una lettera a ragazzi e famiglie che spiega le motivazioni e le modalità di partecipazione. La prima cosa da fare, per chiunque, è aderire ai gruppi online che trova elencati all’indirizzo http://informatica.uniurb.it/codescool/
      Tutti gli iscritti riceveranno informazioni puntuali sugli eventi e gli appuntamento online.
      Le anticipo che il primo appuntamento online per i ragazzi (e per tutti!) è previsto per l’11 febbraio.
      A presto

      Rispondi

Lascia un commento

  • (non sarà pubblicato)